Calma e gesso
6 Settembre 2019
Arazi Boko campione d’Europa. Contano i fatti
8 Settembre 2019
Mostra tutto

85° Campionato Europeo di trotto: “due in finale uno nella storia”

GRAN PREMIO CAMPIONATO EUROPEO I P G. 1 Mt. 1660 E. 11.000

1     UA HUKA                         René LEGATI
2     DROLE JET                      P. VERCRUYSSE
3     VERNISSAGE GRIF         G. RICCIO
4     URAGANO TREBI’           R. VECCHIONE
5     COKSTILE                        A. DI NARDO
6     SANTIAGO DE LEON      A. GREPPI
7     SPECIALESS                    And. VITAGLIANO
8     ARAZI BOKO                   A. GOCCIADORO
9     TINA TURNER                 A. FAROLFI
10     PEACE OF MIND           A. GUZZINATI
11     PANTERA DEL PINO     G. LOMBARDO Jr
12     TANGO NEGRO             W. PAAL                               

GRAN PREMIO CAMPIONATO EUROPEO II P G. 1 Mt. 1660 E. 11.000

1     TANGO NEGRO               W. PAAL
2     PANTERA DEL PINO       G. LOMBARDO Jr
3     PEACE OF MIND             A. GUZZINATI
4     TINA TURNER                 A. FAROLFI
5     ARAZI BOKO                   A. GOCCIADORO
6     SPECIALESS                    And. VITAGLIANO
7     SANTIAGO DE LEON       A. GREPPI
8     COKSTILE                        A. DI NARDO
9     URAGANO TREBI’           R. VECCHIONE
10     VERNISSAGE GRIF       G. RICCIO
11     DROLE DE JET               P. VERCRUYSSE
12     UA HUKA                        René LEGATI

GRAN PREMIO CAMPIONATO EUROPEO FINALE G. 1 Mt. 1660 E. 132.000

Eccoci all’atto finale della stagione del Savio che come da tradizione si chiude con il Campionato Europeo, classica dalla lunga e grande storia, ancora oggi di gran richiamo.
Due prove a numeri invertiti e eventuale race-off.
Per dovere d’ospitalità partiamo dal francese di Vercruysse Drole De Jet che nella prima prova partendo con il due di pettorale ha la possibilità di staccare subito il biglietto per la finale a due a meno che non riesca ad affermarsi anche nella seconda, cosa piuttosto improbabile nonostante si avvii in schiena a quello che è l’avversario diretto, Arazi Boko. Per lui soprattutto nel primo caso, quando si tratterà di partire e affrontare in velocità la prima curva, c’è l’incognita della pista piccola che affronta per la prima volta.
L’allievo dei Gocciadoro arriva a questo appuntamento prontissimo ad affrontare la sfida. Ha vinto l’Europeo lo scorso anno aggiudicandosi il race off in 10.3, record europeo in pista da mezzomiglio sulla breve distanza, e è sicuramente intenzionato a ripetersi. Il numero otto nella prima prova dietro il francese induce a pensare che non voglia strafare stando a guardare come si mette la corsa pensando alla seconda che lo vede partente in prima fila seppure con il cinque a largo di Peace Of Mind e sopratutto di Pantera Del Pino.
Ha destato un’ottima impressione alla prima uscita in Italia l’altro estero della scuderia Santese Cokstile. Questo norvegese è un soggetto che sa costruire, è dotato di un ottimo finish e è adatto alle nostre piste.
Sia nella prima prova con il cinque sia nella seconda con l’otto dovrà trovare chi lo porti avanti e soprattutto il modo per piazzare lo spunto il più possibile da vicino.
Venendo agli italiani nella prima prova, visti i numeri di partenza, dovrebbero fare la loro parte Uragano Trebì e Ua Huka. Nella seconda mentre l’allievo di Ehlert può nutrire qualche speranza partendo dietro la scattista Peace Of Mind, Ua Uka deve vedersela con il peggiore dei numeri al largo della seconda fila.
Un fattore sopratutto nella seconda prova è Peace Of Mind che se non fosse stato per un paletto finito di traverso molto probabilmente avrebbe vinto il Basilio Mattii.
Recentemente ha corso molto bene Santiago De Leon purtroppo però con il figlio di Ganymede e Ledy Caf la fortuna non è stata certo benevola. Il sei nella prima prova e il sette nella seconda lo condannano a un ruolo di secondo piano. Tina Turner rivista in buona forma se non nella prima dove è partente con il nove, può nutrire qualche speranza nella seconda dove si avvia con il quattro.
Compito più arduo per il ripescato Varnissage Grif, meritevole comunque di esserci, e per Specialess nonostante sulla pista abbia vinto nettamente e a buona media nelle ultime tre uscite.

Fral

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *