Destino cinico e baro. Arazi Boko conquista la città di Montecatini
16 Agosto 2019
Propaganda e rilancio
19 Agosto 2019
Mostra tutto

Al San Paolo di Montegiorgio Gran Premio Marche e Gran Premio Basilio Mattii

Al San Paolo di Montegiorgio il convegno clou dell’estate prevede, come avviene da un po’ di anni a questa parte, oltre al Gran Premio Basilio Mattii, ultimo atto della finale del Campionato Italiano Guidatori Trotto, il Gran Premio Marche giunto alla quarantaduesima edizione.

GRAN PREMIO MARCHE G. 3 Mt. 1600 E. 40.040

1°     ALL WISE AS                  E. BELLEI
2°     ANGIOLINA OP              A. DI NARDO
3°     AKELA PAL FERM          R. VECCHIONE
4°     ARGENTOVIVO              M. MINOPOLI Jr
5°     ALESSANDRO BAR        D. BATTISTINI
6°     AMERICIO JET               G. DI NARDO
7°     ANITA ROC                      R. ANDREGHETTI
8°     ALCATRAZ STECCA       G.P. MINNUCCI
9°     AXEL DEGLI ULIVI          V. LUONGO
10°     ARI LEST                      A. GOCCIADORO
11°     AMIA CHUCK SM        M. DI NICOLA
12°     APOCALYSSE ERRE     D. ANGELETTI

Assenti i più titolati della generazione al via dodici soggetti di buon livello tra i quali alcuni in cerca di conferme e altri di un risultato che alimenti le speranze per il futuro.
Dunque una corsa interessante e soprattutto dall’esito incerto tenuto conto di quello che per quasi tutti può comportare la novità del lancio in racchetta.
Sulla base dei risultati recenti e delle doti di partitore la prima scelta spetta di diritto a Argentovivo. L’allievo di Mario Minopoli nel Società Terme è andato davanti e ha tenuto a rispetto gli avversari fin sul palo. Ovvio che oggi la partenza può riservare qualche insidia, l’impressione però è che si tratti di un cavallo serio e gestibile.
All Wise As sulla carriera (cinque successi tra i quali l’Elwood Medium e quattro piazzamenti su undici corse disputate) deve essere valutata sulla stesso piano del napoletano. A Padova con lo stesso numero di oggi si è fatta superare da Audrey Effe per poi batterla di spunto in arrivo. Successivamente ha corso due volte, fuori quadro nel Città di Napoli e solo quinta nella batteria di qualificazione del Campionato Femminile.
Un gradino sotto stando ai risultati finora conseguiti Angiolina Op, ben messa e veloce al via ma a rischio di rottura. Certo è che se dovesse sfilare o scendere alla corda a ridosso della testa diventerebbe molto pericolosa.
Anita Roc quest’anno ha conseguito solo un quinto posto nel Giovanardi a due anni però si era rivelata un buon prospetto. E’ un po’ sacrificata dal numero, nonostante ciò non si può trascurare.
Alcatraz Stecca ha una certa esperienza e resta su un piazzamento in terra di Francia, si avvia però con l’otto di pettorale che non è certo un buon viatico.
Da qui in poi si entra del campo dei futuribili capeggiati da Ari Lest che se è la scelta di Alessandro Gocciadoro qualcosa vorrà pur dire. Seguono Akela Pal Ferm che è ben messa e ben guidata, Axel Degli Ulivi appostato in seconda fila alla corda, lo stimato Americio Jet quindi Alessandro Bar, Amia Chuck Sm e Apocalysse Erre.   

GRAN PREMIO BASILIO MATTII G. 3 Mt. 1600 E. 40.040

1°     VEGAS CLOUDLET                 E. LOCCISANO
2°     RAISSA SERE                          D. CANGIANO
3°     SAPHIRE HORSE                    D. BATTISTINI
4°     BANDIT HORLINE                  G. DI NARDO
5°     TORNADO SPRITZ                 E. BELLEI
6°     VENANZO JET                        R. TAMBURRANO
7°     VICTOR CHUC SM                 R. VECCHIONE
8°     PEACE OF MIND                    A. GOCCIADORO
9°     VINCENT ZS                           A. DI NARDO
10°   TAMURE ROC                        R. ANDREGHETTI

Solita corsa ad invito periziata con il contributo degli handicapper d’Italia e delle testate tecniche.
Il risultato è una corsa di buon livello con due nomi di prestigio su tutti, Peace Of Mind e Tamure Roc. Le due femmine dalla carriera esemplare hanno  avuto i numeri che vengono considerati peggiori, rispettivamente l’otto e il dieci. L’allieva di Alessandro Gocciadoro ha feeling con la pista dove ha vinto il  Palio dello scorso anno e  quello dell’anno precedente. Nonostante l’età è ancora in grado di trottare il miglio in 10.9 come ha fatto nel Due Mari dove ha perso il terzo posto solo a fil di palo.  Per lei che è un’ottima partitrice il numero a largo di tutti non è poi tanto male, infatti se non addirittura davanti potrebbe trovare posto alla corda a ridosso della testa.
Dato per scontato che Tamure Roc è una cavalla che gradisce di più la prima fila con il numero dieci ha la possibilità di scegliere la schiena più utile. E’ stata ritirata nel Due Mari e ha disertato il Città di Montecatini per fare questa corsa nella quale è la favorita.
Peggio forse è andata per Victor Chuc Sm e Venanzo Jet che dovranno fare di tutto per non rimanere scoperti e Vincent Zs per il quale, considerate le caratteristiche, il numero in seconda fila alla corda non è proprio il massimo.
Tornado Spritz andrà in testa in un amen poi spetterà a Enrico Bellei moderarne gli ardori.
Bandit Horline è un’incognita. Saphire Horse, Raissa Sere e Veas Cloudlet almeno sulla carta hanno poco da sperare.
In chiusura è bene ricordare che al di là delle valutazioni tecniche l’esito della corsa potrebbe dipendere anche dalle scelte dei guidatori soprattutto di quelli interessati alla classifica finale.

Fral  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *