L’ippica una Cenerentola
30 Dicembre 2019
I decreti, le circolari…. i quadrati e le strisce per terra
4 Gennaio 2020
Mostra tutto

Anno nuovo conti vecchi 

È apparso sul sito del Mipaaf il bilancio consuntivo del 2018, certo meglio tardi che mai.
Quindi è possibile sapere esattamente i soldi non solamente quelli impegnati ma sopratutto quelli realmente bonificati agli ippici.
Il 2018 poi è stato gestito per 6 mesi dal governo vecchio conio (Martina – Gentiloni) e sei mesi del ex nuovo conio (Centinaio).
Ora leggiamo che i residui, cioè i soldi impegnati ma non realmente bonificati agli operatori (tutta la filiera) risultavano essere circa 87M al 1 gennaio 2018 (all. 1).
Nel 2018 i soldi da distribuire alla filiera per legge finanziaria erano pressoché uguali al 2017, quindi stessa mole di lavoro.
Al 31 dicembre i residui risultano essere di 101M quindi di fatto si è incrementato la quantità di euro che sono stati stanziati ma che non sono ancora arrivati nelle tasche degli ippici. 

È una mole impressionante di soldi in un sistema allo stremo. 

Certo la regalità dei pagamenti è un punto a favore ma avere dei crediti e avere i soldi sul conto corrente non è lo stesso.
Questo trend si trascina da circa 4 anni ed è insito nelle modalità di obblighi legislativi e burocratici del Mipaaf a prescindere dalla capacità, dalla buona volontà o dal colore politico del ministro di turno.
Questa è una pietra quasi tombale sul rilancio dell ippica e purtroppo ci sono ippici contenti di rimanere nel caldo abbraccio del ministero.
In questo modo l’ippica potrà solo rallentare un declino sempre più marcato. 

La morale alla fine sarà una sola:

I soldi ci sono, nelle casse dei ministeri, ma non nelle tasche degli ippici

RedBlack

All.to Consuntivo Mipaaf 2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *