Scommesse e ricavi: comparazione al 01-09
8 Settembre 2019
Ricavi sempre più in picchiata. 9-10 settembre previste aste Its
9 Settembre 2019
Mostra tutto

Arazi Boko, la bellissima sfida europea al Savio

GRAN PREMIO CAMPIONATO EUROPEO I P G. 1 Mt. 1660 E. 11.000

1°   5   COKSTILE                   A. DI NARDO           12.0
2°   4   URAGANO TREBI’     R. VECCHIONE         12.1
3°   3   VERNISSAGE GRIF    G. RICCIO                 12.2
4°   1   UA HUKA                    René LEGATI           12.4
5°   8   ARAZI BOKO             A. GOCCIADORO     12.5

GRAN PREMIO CAMPIONATO EUROPEO FINALE G. 1 Mt. 1660 E. 132.000

1°   5   ARAZI BOKO              A. GOCCIADORO     12.0
2° 10   VERNISSAGE GRIF    G. RICCIO                 12.8
3°   9   URAGANO TREBI’     R. VECCHIONE         12.8
4°   3   PEACE OF MIND       A. GUZZINATI          13.0
5°   7   SANTIAGO DE LEON     A. GREPPI         13.2

GRAN PREMIO CAMPIONATO EUROPEO FINALE G. 1 Mt. 1660 E. 132.000

1°   1   ARAZI BOKO                        A. GOCCIADORO          11.1
2°   2   COKSTILE                             A. DI NARDO

Una sfida bellissima quella alla quale abbiamo assistito sabato notte al Savio, capace di emozionare come solo una corsa vera di campioni autentici è in grado di fare.
Protagonisti due cavalli dalle origini nordiche ma di scuderie italiane, Arazi Boko e Cokstile.

Cokstile con una prestazione di assoluto spessore si era aggiudicato la prima prova riuscendo ad avere ragione seppur di poco di un ottimo Uragano Trebi’, battistrada dal via. Il portacolori della scuderia Santese se già nella sua prima uscita italiana in quel di Montecatini si era presentato con il piglio del cavallo di rango  in questa circostanza ha fatto ancora meglio considerato che è riuscito a vincere dopo aver pedalato allo scoperto per tutto il percorso. Dietro i due, quasi apparigliati sul palo, un sorprendente Vernissage Grif alla corda, quindi Ua Huka e Arazi Boko. Fuori dal marcatore il francese Drole De Jet che alla vigilia era considerato un vero e proprio spauracchio per i cavalli di casa nostra.                             

Nella seconda prova con Arazi Boko che sfila subito al comando davanti alla compagna di colori Peace Of Mind non ce n’è per nessuno. Il figlio di Varenne e Laura Kemp la mette sulla velocità e chiude isolato in 12.0 netto lasciando più indietro Uragano Trebi’ e Vernissage Grif a contendersi la migliore delle piazze con quest’ultimo che riesce a spuntarla seppur di pochissimo. A seguire Pecae Of Mind e Santiago De Leon.

Si arriva così all’atto finale con Arazi che ovviamente si avvia con l’uno e Cokstile con il due.

Partono a mille, Arazi Boko deciso a mantenere la corda e Cokstile a mettergli pressione per poi ripiegare prima del paletto dei quattrocento metri passati nientemeno che in 26.7. Secondo quarto in leggero rallentamento quindi Cokstile torna ai fianchi di Arazi che sostenuto energicamente da Alessandro Gocciadoro risponde da par suo. In arrivo il norvegese allenato da Gennaro Casillo ci riprova ma inutilmente. Il vecchio ma irriducibile combattente di Leonardo Cecchi si aggiudica così il suo secondo Campionato Europeo.

Fral

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *