Introiti dell’ippica in discesa libera
6 Giugno 2019
Guidatori e Allenatori Campani al Mipaaft
8 Giugno 2019
Mostra tutto

Chi ha dato ha dato, chi non ha avuto mai avrà?

L’ippica è un mondo strano.
Il regolamento di fatto, possiamo dire, che ha un assetto variabile.
Cioè?
Ai tesserati è usato in modo ferreo, con sanzioni applicate in modo rapido e inflessibile.
Hai trasgredito l’articolo “tal dei tali”? Si, quindi viene erogata una multa che deve essere pagata in tempi brevi e che, se non sarà pagata, farà scattare implacabilmente la forfait list.

Questo sarebbe perfettamente giusto, se le regole valessero per tutti!

Esiste un articolo del regolamento che prevede il pagamento, da parte dei proprietari, delle iscrizioni nei GP e che questi soldi DEVONO essere ridistribuiti ai proprietari che ne hanno il diritto in base all’ordine d’arrivo.
Quindi si tratta di somme non distribuite dallo Stato nella sua infinita “bontà”, non sono soldi “de noialtri” come il web spesso chiama quelli che arrivano all’ippica dallo Stato, sono soldi che dei tesserati versano per essere distribuiti agli stessi in base a precisi parametri regolamentari.
Quindi una partita di giro tra privati in cui il MIPAAFT o il MEF dovrebbero sovraintendere, senza allungare le mani nelle tasche dei proprietari.

Cosa succede invece?

Queste somme sono versate in conti correnti della ragioneria dello stato e quindi rientrano nel calderone dei trasferimenti annuali tra MEF e MIPAAF.
Ovviamente nessuno al MIPAAF tiene il conto di questa voce e non viene, dal 2013, attivato un capitolo di spesa specifico.
Quindi i soldi vengono incassati, e non sappiamo nemmeno se saranno ridati integralmente al MIPAAFT e comunque da questo utilizzati per altri scopi.

Chi pagherà per queste norme regolamentari non applicate?

Dal 2013 al 2016 sono stati utilizzati i conti ex UNIRE e questi sono stati chiusi con un surplus di circa 9M, che fine hanno fatto questi milioncini?
Per le iscrizioni dal 2017 al 2019 sono stati accantonati o ormai, essendo stati spesi, sono da considerarsi persi per proprietari?

Perché i tesserati devono rispettare il regolamento e pagare le multe mentre chi decide come distribuire i soldi e ha sbagliato non deve pagare?
In un mondo normale un comunicato sarebbe necessario, ma siamo al MIPAAFT e la comunicazione verte solo sugli ottimi risultati raggiunti di quest’amministrazione!

RedBlack

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *