Ma i soldi quando arrivano?
9 Luglio 2019
Infatti i fatti non fatti
11 Luglio 2019
Mostra tutto

Corte dei miracoli e Corte dei Conti

Ormai è diventato un tormentone: la Corte dei miracoli degli “ignoranti” ippici (nel senso che ignorano i principi ippici) nominati per appartenenza emana decreti sbilenchi e la Corte dei Conti respinge.
Si va dal decreto degli ippodromi, proposto e respinto una mezza dozzina di volte, al decreto di appropriazione dei veterinari da parte di Unirelab rispedito anche lui alla Corte dei Miracoli.
Ora la Corte, quella farlocca, tenterà di scrivere un decreto per auto promuoversi a dirigente pubblico, l’ippica spera sempre nella Corte dei Conti.
In effetti, un miracolo questa Corte lo sta facendo, riesce nonostante tutti i problemi risolti (almeno così declama la claque ippica) a mantenere costante la perdita di 35mila euro al giorno di entrate ippiche.
A proposito poi di piccioni, che si sono “mangiati” i piani industriali a disposizione al ministero, questi pennuti appartengono alla categorie dei “fighetti”, la non discussione per la mancata messa a disposizione dei testi è un fatto grave per l’ippica perché presuppone la presenza di soluzioni già scritte a prescindere dalla opinione della filiera.

RedBlack

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *