Scommesse e ricavi: comparazione al 28-02
7 Marzo 2019
Decreti ippodromi: dopo oltre due mesi siamo ancora daccapo
9 Marzo 2019
Mostra tutto

Dati scommesse sempre più negativi

I ricavi nel 2019 continuano nella loro inesorabile discesa.
Il trend della diminuzione degli introiti dell’ippica segna un meno 34.140 € al giorno rispetto al 2018. Circa 12m l’anno.
Una riflessione su questi dati.

Movimento e ricavi dalle scommesse (dati Aams, schema nell’home), al 28 febbraio 2019, rispetto al corrispondente periodo 2018, continuano a scendere e il danno erariale ad aumentare:

  • Il dato dei due totalizzatori è pari a–20,72%;
  • La quota fissa registra un +38,71% per un minor ricavo però di  244.186;
  • Il movimento dalle scommesse a riferimento segna –41,19%;
  • Il minor ricavo giornaliero (tot ippico+ tot nazionale+quota fissa+riferimento) è di € 34.140, pari a un meno € 12.426.996 in proiezione annua;
  • Il danno erariale è di € 957.939 pari a – 17,10% rispetto al 2018;

Dati idonei per far fallire un’azienda.

Calano le risorse e mentre l’ippica galoppa verso il baratro, come se non bastasse, deve anche affrontare:

  • Caos Capannelle, la totale scomparsa del trotto capitolino e l’imminente migrazione del galoppo verso altri paesi;
  • Mancanza di decreti sulla classificazione degli ippodromi e la predisposizione dei contratti con le cifre da corrispondere;
  • Chiusura costante e continua di strutture storiche: Livorno, Grosseto, Roma, Palermo ecc.;
  • Costante diminuzione del montepremi distribuito al palo: solo nei primi due mesi si registra un calo dell’8% pari a un taglio di oltre 600.000 rispetto al 2018;
  • Scomparsa dei soldi distribuiti nel 2018 appannaggi d’impianti chiusi e di quelli destinati a Roma e alle corse non disputate;
  • Scomparsa del PREU del 2018 (2,6M) da ogni radar;
  • Il Comitato Pattern ha declassato l’Italia mettendola sotto tutela
  • Rivisitazione del calendario dopo l’uscita di Capannelle;
  • Mancata qualità dei controlli sui cavalli che continuano a minare la trasparenza delle corse in Italia.

Più aumentano le domande più aumenta il silenzio imbarazzante del Mipaaf.
E i soliti cantori applaudono a questo 
disastro.

Organismo Ippico Italiano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *