Il Mipaaf sanziona Capannelle e Vinovo. Ancora intimidazioni agli operatori ippici
14 Maggio 2019
Mario Minopoli interviene sulla programmazione
16 Maggio 2019
Mostra tutto

Dopo le chiacchiere i fatti

Primo fatto

All’alba di metà maggio sono usciti i dati ufficiali dei pagamenti delle fatture eseguite dal MIPAAFT fino al 31 marzo.
Questi sono i dati reali pubblicati dal ministero stesso ed elencano i pagamenti realmente eseguiti e non le apparizioni sul sito delle fatture che nulla hanno a che vedere con i pagamenti imminenti.
Partiamo dal dato che rappresenta l’incongruenza di questo ministero: i pagamenti del primo trimestre risultano avere come tempi di effettuazione -8,23 giorni.
Si avete letto bene il ministero risulta pagare le fatture 8 giorni prima che vengano emesse!
Se non è un record mondiale è almeno sufficiente per andare in TV (no su teleippica) in “Scherzi a Parte”.
Comunque al netto delle castronerie che i pochi sostenitori del MIPAAFT osano ancora sostenere sulla rapidità dei pagamenti risultano effettuati in tre mesi 531 pagamenti relative ai premi con fattura.
Quindi con circa 60gg lavorativi in tre mesi meno di 10 pagamenti al giorno.
Di fatto risulta pagato novembre 2018 quindi siamo ancora tra i 120 e 150 gg nulla è cambiato.

Secondo fatto

Dopo aver tentato di eliminare tutte le voci critiche e non allineate cercando di far credere che delle Associazioni senza iscritti, statuto e atti sociali rappresentassero la filiera ippica del trotto e aver fallito miseramente, si è passati ora alla fase due: l’intimidazione.
Come anticipato dai soliti cantori ministeriali, in modo totalmente non accettabile in un comparto regolare, sono partite le denigrazioni personali, squalifiche e i deferimenti intimidatori cercando di azzerare le critiche.
Tutto questo è inaccettabile e sarà rispedito al mittente da tutta la filiera ippica.
E’ assurdo che chi ha fatto e continua a far finta di non vedere le peggior cose che coinvolgono la regolarità delle corse sia altamente suscettibile alle critiche.
Il regolamento quando serve (vedi G.P. di Modena) viene bypassato con deroghe che nessuno ha avuto l’opportunità di leggere sui siti istituzionali invece quando fa comodo ci si appiglia ai cavilli regolamentari per fare ritorsioni.

Quindi terminando per adesso:
Fatti a favore dell’ippica 0
Fatti contro l’ippica         2

RedBlack

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *