Firenze, 2020 pericolo scampato, il 2021?
22 Giugno 2020
Tante mani, una sola borsa
24 Giugno 2020
Mostra tutto

Face Time Bourbon 1.09.4 mondiale nel René Ballière

Face of Bourbon

Face Time Bourbon

di Historicus

La giornata dei quattro Gruppi I, summit della riunione primaverile-estiva di Vincennes, che tornava in azione domenica dopo la chiusura in quanto l’impianto parigino si trovava in zona rossa, è stata corredata da un record mondiale, quello sulla media distanza realizzato da Face Time Bourbon (Ready Cash-Vita Bourbon, da Love You) nel Prix René Ballière (Euro 145.000, metri 2100 autostart). Venuto a rilevare nel tratto piano Enino du Pommereux, il 5 anni della Scuderia Bivans, netto favorito con Björn Goop, ha allungato sull’ultima curva e ha poi controllato con grande sicurezza il sorprendente Drôle de Jet, che lo aveva avvicinato sulla salita, 1.09.4, che migliora l’1.09.8 di Kool du Caux nel Prix de France 2007, e 1.09.5 le rispettive medie. Terzo Feliciano, liberatosi da quarto in corda all’inizio della dirittura d’arrivo, sul danese Valokaja Hindø, 1.09.7 per entrambi, poi Bahia Quesnot, 1.09.8, Enino du Pommereux, 1.09.9, meno incisivo di quanto si potesse prevedere, e Bold Eagle, 1.10.2, il vincitore delle ultime quattro edizioni probabilmente alla sua ultima apparizione a Vincennes, che andato in breve al comando non ha poi trovato spazio per correre ma dando l’impressione  di non avere più di tanto da spendere. Non ha corso l’italiano Zefir Gar.
Per l’allievo di Sébastien Guarato è stata la 21ª vittoria in 25 corse.
Philippe Allaire è stato il protagonista dei due eventi per i 3 anni. Nel Prix d’Essai (Euro 145.000, metri 2175) al montato, ha vinto con il controfavorito Hudson Védaquais (Thorens Védaquais-Bielsa Védaquais, da Saxo de Vandel), in sella Yoann Lebourgeois, che a media di 1.12.6, grazie all’errore a fil di traguardo di Hope on Victory che sembrava in grado di resistergli, ha preceduto Hera Landia (1.12.7) e Hispanien (1.13.2). Solo settimo il favorito Houston de Blary (1.13.9). Nel Prix Albert Viel (Euro 145.000, metri 2700) ha replicato con il favorito Helgafell (Charly du Noyer-Baaria, da Quaker Jet), in sulky Eric Raffin, a segno in percorso di testa a media di 1.13.7 davanti a Hooker Berry (1.13.9) e Hede Darling (1.13.9), In calo e ottava la controfavorita Havana d’Aurcy (1.14.5), che aveva raggiunto il battistrada sulla salita.
Per il trainer è stato il quinto successo in entrambe le corse.

Grossa sorpresa nel Prix du Président de la République (Euro 170.000, metri 2850) per i 4 anni alla sella, con Gladys des Plaines (Opus Viervil-Thetis de Vaujours, da Hernani), a 55/1 con Mathieu Mottier per Gilles Curens, che ha azzeccato la fuga vincente tenendo a bada il tentativo di rimonta del favorito Guide Moi Forgan, 1.12.5 per entrambi. Terza Grâce de Faël (1.12.7).

Due italiani hanno vinto nel convegno. In apertura, Valzer di Poggio, netto favorito con Jean-Michel Bazire, è andato a segno nel Prix de Nice (Euro 37.000, metri 2100 autostart), precedendo nettamente a media di 1.11.5 il connazionale Up Right Bi (1.12.2) e il tedesco Azimut (1.12.3). Quinto Victor Chuc Sm (1.12.3), sesto Volver As (1.12.4). Chiaro anche il successo di Vipera Killer Gar, pure favorita, nel Prix de Grasse (Euro 70.000, metri 2850): a media di 1.13, l’allieva di Vitale Ciotola, in sulky Matthieu Abrivard, si è lasciata alle spalle Filou l’Auvergnier (1.13.2) e il controfavorito Foxtrot Sea (1.13.2). Nono Very Joy (1.13.8).

Tae Kwon Deo 1.09.6 nella Kalmarsundspokalen

Corsa a Kalmar domenica, invece che. come d’abitudine, il sabato, per la festività di Midsommar, la più sentita in Svezia con il Natale, la Kalmarsundspokalen (SEK 306.500, metri 1640), STL Gulddivisionen della settimana, ha visto il successo del favorito Tae Kwon Deo (Muscle Hill-Brigham Dream, da Kaisy Dream). Il controfavorito Tycoon Conway Hall ha difeso la corda e Tae Kwon Deo, ritrovatosi in terza ruota dietro Baron Gift, quando questi è sceso in seconda è avanzato a prendere la testa dopo meno di 750 metri (primi 500 da 1.10); Tae Kwon Deo, con Adrian Kolgjini, è arrivato al chilometro in 1.10.5 e ha staccato per vincere molto facilmente a media di 1.09.6, uguagliando il proprio record e migliorando quello della corsa e della pista. Secondo a 5 lunghezze ha concluso Tycoon Conway Hall, 1.10.2, che ha preceduto Monark Newmen, 1.10.3, risalito lungo la corda, Disco Volante, che dalla terza pariglia ha seguito in terza ruota Gareth Boko, Esprit Sisu,  finito forte al largo, Baron Gift, per tutti 1.10.4, e Lionel, 1.10.5, per le vie più brevi dalle retrovie. Non ha corso Stepping Spaceboy (Scuderia Santese).
Per il 5 anni americano, vincitore l’anno scorso dello SprinterMästaren, secondo successo in 4 corse quest’anno, nono della carriera in 27, con vincite salite a SEK 2.597.716

Nella Viola Silas lopp – STL Stoeliten (SEK 227.000, metri 2140), Double Exposure, netta favorita ha superato in 150 metri abbondanti Sharp Dream; dopo i primi 500 da 1.11.9, l’allieva di Daniel Redén, in sulky Örjan Kihlström, è arrivata al chilometro in 1.14.5, con la controfavorita italiana Une Etoile Gar che dalla quarta posizione ha mosso al largo; Double Exposure (Donato Hanover-KD Girl, da Self Possessed) ha controllato in totale sicurezza per vincere nettamente a media di 1.12.7, con 2 lunghezze e ½ su Une Etoile Gar, 1.12.9, poi Sharp Dream,  1.13, e la rientrante Activated, 1.13.1 dalla seconda pariglia. Per la 7 anni americana, terza vittoria in 4 corse quest’anno, 22ª della carriera in 45, con vincite salite a SEK 5.764.834.
Due trottatori italiani hanno vinto nel convegno, entrambi guidati da Carl Johan Jepson. Atena Risaia Trgf (Ghibellino-Palomita Trgf, da Varenne), all’esordio in Svezia e agli ordini di Magnus Dahlén, ha dominato a media di 1.14.1 una condizionata (SEK 74.200, metri 2140). Zap di Girifalco (Dream Vacation-Bea di Girifalco, da Waikiki Beach) si è imposto a media di 1.11.6 in un turno della STL Silverdivisionen (SEK 256.500, metri 2140).
Per lui seconda vittoria in 5 corse in Svezia e per il training di Björn Goop.

Due vittorie italiane anche sabato a Rättvik

Due vittorie per gli italiani erano arrivate anche sabato a Rättvik. Alla seconda corsa in Svezia e con il training di Björn Goop, Zaffiro Roc (Filipp Roc-Ok Roc, da Pine Chip) ha colto, a media di 1.13.5 sui 2160, il primo successo, vincendo per distacco una P21-lopp (SEK 25.100, metri 2140). Goop ha raddoppiato con Anthara Bi (Donato Hanover-Dakota Bi, da Toss Out), che si è imposta a media di 1.13.5 in una qualificazione della Breeders’ Crown per le femmine di 4 anni (SEK 222.000, metri 2140).
Per la cavalla della Union Perfect è stata la quarta vittoria in 11 corse in Svezia e agli ordini di Björn Goop.
Nella Midsommarloppet (SEK 197.000, metri 2140), successo per il 7 anni americano Milligan’s School (Yankee Glide-Tori Ann, da S J’s Photo), in sulky Ulf Eriksson per Stefan Melander, che ha preceduto di una testa Mellby Free, media di 1.12.1 per entrambi, con Queer Fish, 1.12.6 al terzo posto.
Per il vincitore, primo successo in 6 corse quest’anno, 24º della carriera in 91, e vincite salite a SEK 11.359.116.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *