C’è chi dice no. Ricavi dalle scommesse sempre più in profondo rosso.
14 Agosto 2019
Destino cinico e baro. Arazi Boko conquista la città di Montecatini
16 Agosto 2019
Mostra tutto

Ferragosto ippico vuol dire G.P. Città di Montecatini. Interviene il sig. Celin

G.P. CITTA’ DI MONTECATINI G. 1 Mt. 1640 E. 154.000

Ferragosto per l’ippica del trotto vuol dire Gran Premio Città di Montecatini giunto quest’anno alla 67^ edizione. Una corsa storica che annovera nell’albo d’oro nomi di cavalli e driver indimenticabili.
I tempi purtroppo sono cambiati e il livello degli ultimi anni è andato sempre più scadendo.
Dopo i ritiri di Vincent Sm nella prima batteria e di Zecchinodoro Fks nella seconda rimangono in sedici, otto per ogni batteria.

G.P. CITTA’ DI MONTECATINI I batteria Mt. 1640 E. 14.300

1   ATTACK DIABLO               A. GOCCIADORO
2   TRILLO PARK                     I. GUASTI
3   SONIA                                 Renè LEGATI
4   URAGANO TREBI’             R. VECCHIONE
5   VINCENT SM                     NON PARTENTE
6   VICTORIOUS MEN            R. ANDREGHETTI
7   STELLA DI AZZURRA       Fed. ESPOSITO
8   TINTO                                  A. FAROLFI
9   COKSTILE -N-                     A. DI NARDO

In questa prima batteria poiché almeno quattro dei sei della prima fila sono ottimi scattisti molto dipenderà dalla partenza.
A prima vista i papabili sono Sonia che il suo lo fa sempre bene e il vincitore dello scorso anno Uragano Trebi’ che finalmente ha ritrovato la prima fila. Papabili sì ma con riserva considerato che soggetti come Attack Diablo e Cokstile, recente acquisto della Scuderia Santese, hanno le carte in regola per dire la loro.
Attack Diablo che è presentato al top e parte forte deve solo prenderla giusta e nel caso in cui gli riesca una volta in testa sarebbe difficilmente battibile.
Cokstile, che ha pescato l’ultimo numero, ha fatto buone velocità ma per le nostre piste è tutto da scoprire. Riteniamo che l’obiettivo sia soprattutto quello di un buon debutto italiano con un piazzamento che alimenti la fiducia per il futuro.
L’immancabile Stella Di Azzurra in seconda fila alla corda dietro Attack Diablo punta a un piazzamento. Più difficile per Tinto che è cavallo da prima fila, Victorius Men che è confinato al largo e Trillo Park che è in ordine, ben messo ma inferiore.

G.P. CITTA’ DI MONTECATINI II batteria Mt. 1640 E. 14.300

1   SHOWMAR                         A. GUZZINATI
2   VERNISSAGE GRIF            G. RICCIO
3   DEIMOS RACING               E. BELLEI
4   SANTIAGO DE LEON         R. VECCHIONE
5   VERY GOOD ZS                  Fed. ESPOSITO
6   SUPER STAR REAF            G.P. MINNUCCI
7   ARAZI BOKO                       A. GOCCIADORO
8    ZECCHINODORO FKS       NON PARTENTE
9   PANTERA DEL PINO         Renè LEGATI

Seconda batteria in cui indiscutibilmente spicca il nome del vecchio ma ancora pimpante Arazi Boko. Il figlio di Varenne e Laura Kemp nonostante sia svantaggiato dal numero sfruttando la schiena di Showmar dovrebbe districarsi dalla seconda fila e far valere la sua caratura superiore.
Deimos Racing, vincitore lo scorso anno della propria batteria, ha il numero per correre da protagonista. Sicuramente farà partenza per provare ad andare davanti e non è detto che non ci riesca.
All’interno di Deimos si avviano il citato Showmar che sfruttando la corda è il più classico dei piazzati e quel Vernissage Grif che quanto a potenza non è certo il peggiore della classe.
Più all’esterno Santiago De Leon che a questi livelli non sarà pure un vincente ma resta sulla eccezionale prestazione del Due Mari, Very Good Zs che essendo molto veloce in partenza potrebbe sparigliare i piani di qualcuno e Super Star Reaf che con il sei di pettorale è piuttosto sacrificato come lo è in seconda fila Pantera Del Pino.

Fral  

Riceviamo e pubblichiamo una riflessione del sig. Celin in merito ai maltrattamenti dei cavalli da corsa

… In merito all’aver costretto a correre un Cavallo palesemente zoppo, la serata del 9 agosto in quel di Albenga (chi lo guidava non si è accorto di nulla? Non poteva ritirarlo o rifiutarsi di correre?), ritengo sia un episodio, oltre che scandaloso, privo di ogni minimo buonsenso e di rispetto nei confronti del Cavallo!
Sto’ parlando del Cavallo “….” di ben 11 anni (quindi da monitorare con maggiore attenzione, per la sua non più giovane età e di conseguenza, più soggetto ad acciacchi, stiramenti o contratture muscolari!), con l’aggravante che il deprecabile episodio è accaduto nella corsa del “campionato delle Stelle“, voluto appositamente per “sensibilizzare” il mondo dell’Ippica verso il rispetto per i Cavalli (non a caso si corre senza usare la frusta!), quanto sopra rischia di “vanificare” tutte le battaglie che quotidianamente molti appassionati perbene combattono, perché’ si arrivi a fare pulizia di tutti i “detriti” umani che infestano da sempre il mondo dell’Ippica!
Una volta accertate le responsabilità’, auspico un’esemplare punizione senza “attenuanti” varie per i/o responsabili, dal momento che al di là dei tanti bei discorsi o dei libri “verdi”, “gialli”, “rossi”, “neri”, ecc., episodi del genere sono sconcertanti (svolgendosi in pubblico ed alla presenza dei bambini!) e danneggiano l’immagine del mondo dell’Ippica, dove la stragrande maggioranza delle persone amano e rispettano i Cavalli!

Celin Sergio
Portavoce Comitato padovano contro il doping e la macellazione dei Cavalli da corsa

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *