Resistere ma non tacere. Il parere di Alberto Bosi
20 Marzo 2020
Addio Antonio
22 Marzo 2020
Mostra tutto

Figli e figliastri

Quando la politica decide, tutto può essere fatto.
Agea liquida oltre 80M verso 56.250 beneficiari in una settimana!
Non sono soldi extra ma solo quanto era dovuto agli agricoltori.
Perché non l’ippica?
Perché  l’ippica rimane tenacemente sottomessa direttamente al Ministero?
Come si vede se si volesse tutto l’arretrato ippico sarebbe liquidabile in due o tre giorni.
Basterebbe un decreto, che in emergenza è possibile per renderlo operativo, perché no?
Basta con la storiella che sono sodi pubblici, anche quelli che distribuisce l’AGEA sono soldi pubblici e nessuno si scandalizza che siano gestiti da Enti esterni al Ministero.
L’ippica è l’unica filiera italiana gestita direttamente da un ministero, fanno così gola i 160M da gestire direttamente?
Perché ad alcuni è permesso incassare i soldi che gli spettano mentre solo agli ippici questo è vietato?
Qualcuno invoca la necessità dei controlli, perfetto, in questi giorni hanno limitato le libertà individuali e collettive al limite del dettato costituzionale, giustamente per un interesse superiore, hanno abolito gli accertamenti fiscali, l’emissione delle cartelle esattoriali, hanno bloccato i processi civili e penali, ma per alcuni solo per l’ippica nulla deve essere cambiato in questo stato di necessità, ridicoli!
L’assioma più ridicolo è che i proprietari di cavalli, essendo uno sfizio, devono mantenerseli quindi non devono ricevere aiuti, quindi deve essere loro negato di prendere in breve tempo quanto è un loro diritto? Perchè?
RedBlack

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *