Pensieri brevi
16 Luglio 2019
Gambe corte e dettato
18 Luglio 2019
Mostra tutto

Il piccione colpisce ancora

Ippodromo Follonica

Ippodromo Follonica

La citazione del piccione scacchista è sicuramente la cosa più azzeccata, e in fin dei conti a oggi l’unica, fatta dai consiglieri ministeriali in tema di ippica.
Siccome le cose azzeccate si ripetono ecco il piccione scacchista entrare a volo radente sull’ippodromo di Follonica.
Infatti a fronte di innumerevoli, circostanziate e documentate manchevolezze dell’impianto tali da portare a non far eseguire i prelievi antidoping delle urine abbiamo assistito e letto in sequenza:
– pubblicazione della copia di un allerta meteo per la zona di Follonica. Come se il problema dell’acqua fosse legato a precipitazioni atmosferiche;
– invito agli operatori a denunciare agli organi di controllo (magistratura ecc.). Come se questo non fosse compito anche del Ministero;
– difesa dei soldi dati a Follonica 1,4M circa poiché non contestati dall’UCB e Corte dei Conti. Siamo sicuri che la Corte dei Conti non ha mai fatto le pulci a questi soldi proprio su Follonica?
– la commissione ministeriale per il controllo degli ippodromi ha visitato Follonica e tutto andava bene. Siamo sicuri che la visita è stata effettuata? Non è stato possibile sapere in quale giorno dato i non ricordo. Comunque aspettiamo documenti, in caso contrario è una bufala
– la colpa è degli operatori che si lamentano impedendo agli esperti del ministro di lavorare alla riforma, ovviamente al 100% di un non precisato hashtag.
– se c’è qualcuno che non capisce non è il piccione ma l’ippica tutta, tranne la claque ministeriale che se anche non capisce si adegua.
– alla fine il piccione convinto di aver ragione ha abbandonato la scacchiera.

Il dramma di tutto questo è che la ragione sta dalla parte dell’ippodromo. Perché?
Secondo il geniale decreto per il pagamento degli ippodromi redatto dagli esperti ministeriali gli unici obblighi che ha l’ippodromo per prendere i soldi per il 2019 sono nell’ordine:
1) aprire l’ippodromo nelle giornate di corsa scritte in calendario
2) avere dei cavalli partenti
Le condizioni della pista, dei box, dei servizi per i cavalli, dei servizi per gli operatori ippici, servizi per il pubblico e via discorrendo non sono parametri utili a determinare i soldi distribuiti.
La commissione gira e lavora per il 2020 cercate di sopravvivere fino a quella data.

Ultimo consiglio non discutete con il piccione, evitate di giocare a scacchi, è inutile, la riforma ippica è già arrivata al 100%, di cosa non si sa!Comunque dobbiamo dare atto che un primo risultato è stato ottenuto: saranno distribuiti circa 40M di soldi pubblici (ippodromi) senza nessun riscontro sui servizi resi alla filiera ippica, più che legalità mi sembra assurdità.

RedBlack

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *