Maple Leaf Trot formato lusso
4 Settembre 2020
Parole, soldi e “contratti”
7 Settembre 2020
Mostra tutto

Ippodromi promesse e soldi 

Il pagamento degli ippodromi tarda e le promesse del Mipaaf non sono state mantenute. 
Tutto questo però non è una novità. 
Da tre anni gli Ippodromi prendono i primi soldi annuali non prima di ottobre. 
Dunque nulla di nuovo nei ritardi ma quest’anno avevano creduto di incassarli prima. 
Comunque alcune riflessioni devono essere fatte:
I soldi gli Ippodromi sono sovvenzioni quindi secondo la Treccani:

“contributo finanziario concesso a fondo perduto a individui, enti e organizzazioni varie per assicurare lo svolgimento e il proseguimento della loro attività.” 
Quindi soldi dati a prescindere dai risultati. 
Che ogni anno si cerchi di mascherare questa “regalia” con posticci contratti che nulla possono imporre è una triste pantomima. 
Se la Corte dei Conti è così restia a erogare i soldi un motivo serio ci sarà  e non crediamo sempre agli errori di scrittura o panzane di questo tipo. 
La realtà è che l’ippica è un’identità tonda inserita in un Mipaaf che invece è quadrato, mai potranno coesistere senza problemi. 
In un momento di carenza di risorse questo sistema ha portato alla riduzione dei soldi agli ippodromi e di conseguenza un peggioramento di tutti i servizi resi dagli ippodromi. 
Ma la realtà è che solo alcuni ippodromi hanno un senso tecnico, altri hanno un senso perché, non quest’anno, attiravano pubblico, altri sono il centro di sviluppo di alcune realtà regionali. 
Ma alcuni sono inutili sia tecnicamente, sia come presenza di pubblico sia come presenza sul territorio ma esistono e prendono soldi e in alcuni casi non pochi. 
Ma i soldi arrivano anche a questi e senza nemmeno dover dimostrare di essere utili alla filiera ippica. 
Nella realtà gli operatori ippici devono sudarsi i soldi del montepremi dimostrando ogni giorno le loro capacità alcuni ippodromi prendono soldi e nessuno, se non gli amici, riescono a capire perché. 
RedBlack

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *