Infatti i fatti non fatti
11 Luglio 2019
Dopo accorati appelli a un Ministero sordo gli operatori campani si affidano alla Protezione animali. Al Sesana si inizia con Società Terme
13 Luglio 2019
Mostra tutto

La fuga riuscita. Addio a Alessandro Ferrario

È di questi giorni la notizia che l’anagrafe equina, come disposto per legge, sta completando il trasferimento dal Mipaaft al Ministero della salute.
Del resto era l’unica anagrafe al di fuori del ministero della sanità, una genialata pensata dal ministro Alemanno per cercare di spingere l’UNIRE.
Lo scherzetto è costato alcuni milioni, presi dalle casse ippiche che all’epoca erano ancora pingui.
Non ha mai funzionato, con grandi proteste del Ministero della sanità che finalmente ora potrà cercare di farla funzionare, una volta completato l’iter.
Che cosa interessa agli ippici?
Forse ora potrebbe essere possibile che i galoppatori e i trottatori nati in Italia, come accade per tutti gli equidi europei di ogni razza e anche per i trottatori e galoppatori nati negli altri paesi, possano avere il libretto emesso dopo 7 giorni dall’applicazione del microchip.
Questa regola è stata emessa dal Mipaaft, accogliendo la legge europea, com’è ovvio, ma lo stesso ministero non l’ha mai applicata.
Quindi da anni i cavalli nati in Italia, trottatori e galoppatori rimangono mesi senza passaporto, contro la legge, non potendo nemmeno registrare le vaccinazioni e in teoria nemmeno circolare o essere venduti.
Speriamo che adesso sotto l’azione del ministero della salute i puledri italiani possano smettere di essere fuorilegge.
Il libretto è un obbligo/diritto di ogni cavallo ed ha una valenza sanitaria, l’iscrizione a un libro genealogico (importantissima) attiene all’attività sportiva e riproduttiva.
Ci riescono in tutta Europa perché non in Italia?
Suggeriamo una bella commissione così dopo il decreto di nomina potrà essere elencato nelle cose fatte.
(Ovvio le nomine, non la risoluzione del problema).

RedBlack

Addio ad Alessandro Ferrario

L’improvvisa e tragica scomparsa di Alessandro Ferrario ha colpito il mondo ippico.
Scompare un’autorevole voce del giornalismo ippico italiano.
Il presidente e tutti i componenti di Organismo ippico porgono le più sentite condoglianze ala famiglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *