Scommesse e ricavi: comparazione al 31-05
5 Giugno 2019
Introiti dell’ippica in discesa libera
6 Giugno 2019
Mostra tutto

Lascia o raddoppia

Ricominciano le preoccupazioni per l’impianto di Roma Capannelle.

Ai soliti trionfalismi passati, di chi si appuntava medaglie per la risoluzione del problema si ritorna al rischio di chiusura.
Riassumiamo quali erano i problemi che avevano portato alla non ripresa delle corse a gennaio, Hippogroup chiedeva:

  • Prolungamento del contratto o bando entro il 2019
  • Conferma delle riduzioni del canone
  • Pagamento dei corrispettivi da parte del MIPAAF

Nonostante nessuna di queste condizioni fosse stata raggiunta le corse ripresero.

A oggi, dopo la riunione al Comune di Roma:

  • Nessuna delibera di prolungamento
  • Nessuna cancellazione dei presunti debiti
  • Nessuna certezza di bando entro 2019
  • Pagamenti MIPAAFT ancora non pervenuti e a rischio di arrivo dopo le vacanze

La situazione è preoccupante.

Comunque state tranquilli esiste un impianto che può fare tutto, in virtù di quali qualità nessuno lo sa, un impianto a cui è tutto permesso e fa giornate di corse a ripetizione.

Quindi a breve Follonica sostituirà Capannelle, e ci faranno pure credere che l’ippica ci guadagni.

Impianto polifunzionale, responsabili polifunzionali, remunerazioni ottimali, tutto bene? Qualcuno degli organi di controllo inizia a fare domande e sarebbe interessante conoscere le risposte.

Comunque visto il poco pubblico, le scarse scommesse e i pochi cavalli partenti è forse questo il modello vincente presso il Ministero per avere più giornate.

Richiamando il titolo, come nelle migliori tradizioni dei quiz di Mike Buongiorno, il rimpallo di domande e di risposte tra il Ministero e la Corte dei Conti porta il montepremi dell’incertezza sempre più in alto.

A ogni domanda ci sarà stata una risposta che però ha generato un’altra domanda, speriamo almeno che si parlino nella stessa lingua e che chi risponde per conto del Ministero sappia di cosa sta parlando, anche se su questo punto siamo scettici, perché se chi risponde è lo stesso che ha scritto il decreto di partenza allora l’“ignoranza” (cioè la non conoscenza) dell’ippica e degli ippodromi è epocale.

Ribadiamo quanto scritto da Flaiano:
la situazione è tragica ma non seria

RedBlack

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *