Poche parole ma chiare
9 Marzo 2020
Sospensione corse per calamità “corona virus”. Il comunicato dell’O.I.I.
11 Marzo 2020
Mostra tutto

Le richieste dell’OII

Il CIGA con un comunicato trasmesso al Mipaaf (allegato) chiede di poter continuare le corse a porte chiuse.
Intanto il CONI chiede la sospensione dello sport, ma l’ippica non dipende dal CONI.
Si attende la decisione del Mipaaf il cui responsabile fa parte del Governo, quindi ci dovrebbe essere un’interlocuzione diretta.
Potrebbe accadere che il Governo, quindi anche il Mipaaf, decida di sospendere la corse.

I cavalli potrebbero continuare ad allenarsi? Le persone dovrebbero continuamente accudire i cavalli oppure no?
Problemi che confliggono tra di loro.
I cavalli non sono mobili o macchine che si possono spegnere e accendersi con un interruttore.

La posizione di Organismo Ippico sarà comunicata al Mipaaf oggi, il cui contenuto si può riassumere così:

– in caso di chiusura il sistema collasserà economicamente.
– la chiusura di fatto ammette che siamo davanti ad un’emergenza paragonabile a una calamità.
– in caso di calamità possono essere prese misure straordinarie in deroga alle normali regole.
– quindi la richiesta di pagare, superando tutte le regole normali, i premi e provvidenze non pagati fino a fine febbraio entro 15 giorni per dare un supporto immediato economico.
– I soldi sono disponibili;
– tecnicamente è fattibile con un apposito decreto che sottolinea la transitorietà
– dal 2013 al 2015 si erano già “eliminate” transitoriamente le regole base.

Queste le richieste semplici e possibili. 
Per fatti eccezionali risposte eccezionali.

O.I.I.

Continuazione corse porte chiuse09032020.pdf

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *