Gli esami non finiscono mai
25 novembre 2018
Ippodromi siamo alle solite: partono i ricorsi. Per Playtech è più importante il settore immobiliare che ippico
27 novembre 2018
Mostra tutto

Leonardo Vastano campione italiano gentlemen. Settimana decisiva per gli ippodromi. Il futuro delle aree di Snaitech. Cantica a gamba tesa

Finale campionato gentlemen Vinovo 2016

Finale campionato gentlemen Vinovo 2016

Finale Campionato italiano gentlemen a Montegiorgio

Ieri si è disputata al San Paolo la finale del campionato italiano gentlemen programmata su quattro prove. Si riconferma campione, dopo la vittoria di Vinovo nel 2016, Leonardo Vastano, rappresentante del club Marche-Abruzzo, che ha vinto due delle quattro corse con pennellate da par suo.
Fortunatamente Leonardo Vastano è uno dei pochi che ancora continua a credere e ad investire in un’ippica che non c’è più.

Settimana decisiva per gli ippodromi

Inizia la settimana decisiva per evitare la chiusura degli ippodromi, tutti i contratti sono stati firmati e rispediti al MIPAAFT.

Da oggi gli ippodromi possono inviare fattura conoscendo la cifra esatta che sarà liquidata (percentuale elevata del contributo impianti e la percentuale sulle scommesse fino a ottobre, nulla per la quota tv).
Oggi saranno inviati, agli organi di controllo, i decreti che dispongono l’ammontare dei pagamenti. Nessuna spesa può essere avvallata dall’UCB senza l’avvallo della Corte dei Conti che ha l’obbligo di vistare tutti i decreti di spesa.
Le fatture oltre ad essere emesse, come sanno tutti gli operatori, diventano “reali” per il MIPAAFT quando sono caricate sul SIAN (siglate “in lavorazione”) e poi vidimate con il termine “in pagamento” a questo punto diventano fatture riconosciute come esigibili e quindi possono essere portate in banca per gli anticipi.

Speriamo che siano mantenuti gli impegni del MIPAAFT per l’accelerazione finale, previsione: fatture “esigibili” prima della chiusura dell’UCB, i pagamenti reali a fine gennaio.

Chiudiamo con l’argomento destinazione aree di Snaitech

Come da noi anticipato il 14 novembre si è capito lo stato dell’arte delle aree e il loro futuro.
Certo non bisogna riportare le veline fatte uscire dagli ippici ma andare alla fonte, cioè quanto è stato detto agli analisti e investitori.
In una molto completa e circostanziata esposizione sulla realtà SNAITECH ha citato 6 punti per implementare una futura crescita.
Guarda caso il punto 5 (Real estate assets) e il patrimonio immobiliare nella diapositiva presentata (all1) sono evidenziati in due colori diversi (blu non usufruibile, rosso disponibile) le aree interessate e testualmente c’ è scritto:

  • Trattativa formale per disporre di una parte delle attività di San Siro (di colore rosso nella mappa);
  • L’area ex trotto (valore attuale del libro di circa € 30 milioni) è la più attraente essendo libera da qualsiasi vincolo di destinazione sportiva;
  • Offerenti selezionati hanno in corso una due diligence, con interessi confermati per l’area precedente di trotto e le aree di allenamento.

A voce, sempre reperibile in internet, la quantificazione della disponibilità è del 10% totale (16 ettari) e sulla trattativa nulla si può dire poiché in via di definizione.
Certo si vive meglio credendo alle veline che non ha documenti di società quotata in borsa (Inghilterra).

Un’ultima sottolineatura, neanche una parola sulla gestione degli ippodromi, citata Teleippica e gli immobili. Certo essendo una voce in forte passivo meglio sorvolare o non rientra nelle strategie future?

RedBlack

all1

Cantica a gamba tesa

Dice il saggio: quando non sai una cosa taci, meglio dare l’impressione di timidezza che certezza di ignoranza.
Evidentemente il conduttore della trasmissione citata non si attiene alla massime del saggio. Ma il responsabile del servizio, colui che paga, è allo stesso livello?
” (Cantica)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *