Montegiorgio, in pista guidatore non autorizzato. Capannelle dai cavalli alle biciclette. Talisker Horse vince il G.P. Vittoria
7 Gennaio 2019
Addio a Glauco Cicognani, un signore e un ippico a tutto tondo
9 Gennaio 2019
Mostra tutto

Luci a San Siro ….forse no

Due commenti su spunti che arrivano dal web o via mail.
Si è infiammata la discussione se a breve sarà installato l’impianto d’illuminazione alla pista del trotto a Milano, per dirla con le parole di una famosa canzone di Vecchioni “Luci a San Siro”.

Non conosciamo i motivi scatenanti di quest’annuncio d’imminenti lavori, siamo comunque scettici poiché uno dei motivi che avrebbero spinto Snaitech a investire in questa infrastruttura era legato alla disastrosa classificazione “Castiglione” che penalizzava chi non aveva impianto d’illuminazione e centri d’allenamento: problema risolto!
Infatti con i nuovi parametri avere o non avere l’impianto d’illuminazione oppure avere o non avere pubblico, quindi gioco sul campo, non influenza minimamente la remunerazione quindi i compensi.

Quindi per riprendere le ultime parole della canzone di Vecchioni:
Milano scusa stavo scherzando
luci a San Siro non ne accenderanno più.”

Il secondo commento riguarda un invito espresso dal dott. Castelfranchi sul settimanale ippico “ANAC newsletter” del 7 gennaio nello specifico:
Gli ippodromi devono cercare una loro dimensione economica anche a prescindere dal contributo ministeriale. Questa nuova dimensione non può prescindere da una diversa, maggiore, remunerazione delle scommesse che vengono effettuate sul campo. Recarsi all’ippodromo e scommettere perché è più vantaggioso deve diventare una possibilità concreta.”

Esattamente il contrario di quanto ha disposto il decreto “Babbo Natale” derubricando completamente dai compensi la voce percentuale delle scommesse.

Tra l’altro dalla tabella allegata all’articolo si evince quale sia l’ippodromo di galoppo che sarà maggiormente beneficiato dall’assurdo sistema  di calcolo presente nel decreto.

Infatti, l’80% della remunerazione sarà data dalla media delle giornate effettuate nel biennio 17/18, quindi la maggior parte degli ippodromi nel 2019 farà un numero di giornate simile alla media 17/18 solo un ippodromo avrà una differenza significativa tra le giornate che saranno remunerate (27) e quelle in calendario nel 2019 (16): Follonica!

Evviva la qualità!

RedBlack

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *