Da non credersi: abbiamo anche il calendario di dicembre
28 novembre 2018
Buone notizie da Palermo, notizie inutili dal Ministero
30 novembre 2018
Mostra tutto

Parole, parole……..soltanto parole (Mina)

Dopo molti annunci ecco l’epifania della panacea dei problemi ippici.

Il primo problema che salta all’occhio leggendo il testo del decreto è la contraddizione in termini tra la definizione di task force:  “La locuzione indica una unità di pronto intervento”  e i tempi in cui avremo l’elaborato: alla fine del 2019.

Alla faccia della rapidità!

Altro dato imbarazzante è il motivo scritto nelle premesse che hanno portato alla formazione del gruppo:

Fornire al Ministro i necessari elementi di valutazione tecnica del sistema nel suo complesso, che ne evidenziano EVENTUALI disfunzioni e anomalie.

EVENTUALI? Le disfunzioni sono certe, continue e acclarate conosciute da qualche anno e che qualsiasi ippico estratto a caso potrebbe declinare in un pomeriggio, non per trovare gli argomenti ma per la lunghezza dell’elenco da declinare!

Velocità, parola tanto pronunciata in questi mesi, ma da quanto si legge i primi propositi sono per febbraio 2019!

Bisognerà aspettare atri tre mesi per iniziare a discutere sulle proposte per:

  • Accelerazioni pagamenti montepremi
  • Accelerazioni pagamenti ippodromi
  • Calendario

Tutto questo è stato promesso come risolto già entro quest’anno e ripetuto più volte.

Se per l’inizio della classificazione degli ippodromi bisogna aspettare marzo 2019 gli stessi saranno pagati a fine anno con le stesse problematiche di quest’anno.

Oppure tutti questi argomenti non sono di competenza della task force e visto che nemmeno di scommesse si parla, di cosa si dovrà occupare?

Ad oggi ci troviamo di fronte a tanti annunci, promesse e speranze ma i soldi dei premi non sono arrivati, gli ippodromi hanno fatture ma non bonifici, in compenso è scomparso il PREU e la falsità della promessa del Ministro (riunione fine ottobre) che nessun rappresentante di categoria sarebbe stato nominato in quanto un rappresentante ufficiale c’è.

Comunque abbiamo alcune certezze in questo ministero:

  • I proprietari non hanno nessuna importanza essendo stati esclusi da tutto;
  • Le radici dei tempi di Alemanno solo solide e proliferano alla faccia del vento del nord.

Purtroppo abbiamo anche la spiacevole evidenza che la stampa ippica è prona al sistema di qualsiasi colore esso sia, attenta solo alla propria sopravvivenza  anziché a quella del settore che dovrebbero difendere, pronta a fare cassa di risonanza ai proclami ministeriali e muta nel riportare le critiche della filiera unico elemento produttivo.

Marco Folli
Francesco Gragnaniello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *