L’Organismo Ippico Italiano rinnova i vertici
30 ottobre 2018
Venduti gli ippodromi di Milano. Il contatore del montepremi continua a piangere. Grande ippica oggi a Torino con i GP Orsi Mangelli e Nazioni
1 novembre 2018
Mostra tutto

Riunione al Mipaaft: poche le certezze. Gli interventi di Ballardini, Cantica e Pratella.

Tanto fumo poco arrosto nell’odierna riunione al ministero tra il ministro Gian Marco Centinaio, categorie e società di corse.
Da rilevare la disponibilità del ministro, rimasto per quattro ore con gli ippici, più di quanto abbia fatto Martina in tre anni. Nessuna certezza sui pagamenti.
Probabile che tra approvazione della Corte dei Conti e fermo dell’UCB a dicembre slittino ad anno nuovo. Agli amanti del gossip non sono sfuggiti gli ammiccamenti tra Enrico Tuci e Giorgio Sandi.
Unica sicurezza annunciata da Centinaio, la formazione di due tavoli tecnici, uno allargato vicino al settore tecnico e un altro ristretto, destinato a fare da tramite tra il comparto tecnico e la segreteria del ministro.

Speriamo bene

O.I.I.

Intervengono Vittorio Ballardini, Cantica, Pratella

Cambia vestito l’Organismo: Marco Folli nuovo presidente, Mario Minopoli, Nicola Merola, Leonardo Vastano nuovi consiglieri, Marco Montana e Maurizio Mattii soci onorari.
Maurizio un grande abbraccio e grazie! A Marco Folli e consiglieri, forza e coraggio!!“ (Vittorio Ballardini)

“Desidero ringraziare il prezioso lavoro svolto dal post Presidente Maurizio Mattii e formulo i migliori auguri di buon lavoro al neo Presidente Marco Folli (Cantica)

Buongiorno, sono sempre più convinta che ci sia la volontà di far morire il mondo ippico in Italia, in modo particolare i trottatori, perché?
E’ vero che chi sceglie questo tipo di lavoro deve dimenticare tutte le domeniche e festivi compresi, quindi tanta passione e buona volontà, premiati come? Chiudo sperando in una politica che promette e tuteli i lavoratori, comprendendo anche il mondo ippico.
Dimenticavo, ho 56 anni e la malattia del cavallo trottatore, avevo 40 giorni la prima volta che sono entrata all’ippodromo di Cesena, e da allora non riesco ad uscirne, e con me tutta la mia famiglia (allevatori, proprietari, allenatori). Continuo a sperare che arrivino tempi migliori” (Pratella)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *