Estero, si riparte in Gruppo
13 Maggio 2020
Una normale anormalità
15 Maggio 2020
Mostra tutto

Venditori di fumo. Respinto emendamento di ridistribuzione del montepremi

 

Pare esserci nell’ippica quelli che nella tradizione toscana vengono chiamati i “ladri di Pisa”.
Nulla a che vedere con gli ippici toscani purtroppo però esistono venditori di fumo che, nelle segrete stanze, taluni di questi cercano di fare intrallazzi per accaparrarsi soldi e poltrone future e in pubblico si scagliano contro provvedimenti fino a ieri da loro proposti e tal altri tengono il piede in due scarpe facendo uscire comunicazioni private per fomentare la piazza contro gli ippodromi.
Comunque il tentativo, con il solito emendamento di mettere le mani sul montepremi è stato respinto e non, come nel passato, senza motivo ma perché ritenuto inammissibile quindi speriamo sia di insegnamento per il futuro e venga dimenticato.
E’ rimasto in piedi solo la parte di esternalizzazione dei pagamenti, intervento richiesto da ORGANISMO IPPICO ai primi di marzo, se andasse in porto, che speriamo, rappresenterebbe due mesi persi per l’ippica.
Entro venerdì arriverà la risposta della Commissione per il via libera  delle corse a porte chiuse, speriamo, e contemporaneamente le veline sul calendario iniziano a circolare.
Anche qui gli intrallazzatori sono già all’opera per fare corse ritagliate “ad personam” o come si mormora ” ad cavallum”, anche se il ministero è chiuso agli esterni i furbetti lavorano per i propri interessi e non per quelli dell’ippica.

Continuano a essere resi noti particolari sull’inchiesta dei giorni scorsi e purtroppo emerge un quadro inquietante di intimidazioni ai danni degli operatori ippici (all.1), siamo certi che la parte pulita dell’ ippica, che è la stragrande maggioranza, avrà la forza di fare pulizia.

RedBlack

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *