Riunione al Mipaaft: poche le certezze. Gli interventi di Ballardini, Cantica e Pratella.
31 ottobre 2018
Orsi Mangelli, Salvatore Minopoli: Zippy Freedom Lf non era da squalificare. Zarenne Fas conquista l’Orsi Mangelli 2018
2 novembre 2018
Mostra tutto

Venduti gli ippodromi di Milano. Il contatore del montepremi continua a piangere. Grande ippica oggi a Torino con i GP Orsi Mangelli e Nazioni

L’11 novembre si chiuderà la stagione di corse a Milano Galoppo, l’evento verrà salutato con un colpo di cannone. Questo colpo potrebbe essere quello che affonderà definitivamente il trotto a Milano. Dovrebbe rimanere solo l’impianto di galoppo.
Tutto sarà spiegato il 14 novembre in un incontro programmato con la stampa presso la Palazzina del peso.

Il nuovo acquirente – il fondo del Qatar – dovrebbe edificare sugli impianti della Maura e su quello del vecchio trotter.
Intanto, mentre già si da per scontato il passaggio dell’ippodromo del galoppo dal fondo ad un soggetto italiano, nella sede di Via Ippodromo stanno già facendo gli scatoloni per il trasloco.

Un altro pezzo d’ippica che se ne va.

O.I.I.

Il contatore del montepremi continua a piangere

Uscito calendario di novembre e il contatore del montepremi continua a piangere. Con i 6,5M di novembre arriviamo a un totale di 68M con un meno 20M rispetto a quanto stanziato in legge finanziaria 2018. Anche aggiungendo tutti gli “accessori” (IVA, provvidenze, sella ecc…) siamo distanti dal totale disponibile.

Due assenti risaltano nella giornata odierna:

  • Del decreto PREU nessuna traccia, pensiamo sempre di più che i soldi siano già stati usati, ma speriamo di sbagliarci.
  • Nessun nulla osta, per il pagamento degli ippodromi, è arrivato ieri dalla Corte dei conti. Tutti gli ippodromi sperano che i giudici non facciano il ponte venerdì perché in caso contrario tutto è rimandato a settimana prossima.

Una notizia interessante che riguarda gli ippodromi

Bet 365 utilizzerà le corse di oggi a Vinovo per raccogliere scommesse in Svezia, un primo passo che potrebbe essere molto importante.

RedBlack

GRAN PREMIO Bet 365 P. e O. MANGELLI 1° batteria Mt. 1600  € 22.000

1   ZIPPY FREEDOM LF                   F. MINOPOLI
2   ZABUL FI                                       A. FAROLFI
3   ZEN BI                                            A. GOCCIADORO
4   ZELIG JET                                     P. GUBELLINI
5   ZLATAN                                          G.P. MINNUCCI
6   ZARENNE FAS                              A. DI NARDO
7   ZILATH                                           A. GUZZINATI
8   ZACCARIA BAR                            R. ANDREGHETTI
9   ZEFIR GAR                                     M. MINOPOLIJr
10   ZENIO                                           Fed. ESPOSITO

Giornata di grande ippica oggi all’ippodromo di Torino dove si disputano il Gran Premio Orsi Mangelli e il Gran Premio delle Nazioni due corse dagli storici trascorsi milanesi.
Venti divisi in due batterie i partenti del Mangelli. Vanno in finale i primi quattro di ogni batteria.
Tutti indigeni nella prima batteria. Zlatan sulla scorta della prestazione fornita nel Derby è il cavallo più in vista. L’allievo di Alessandro Gocciadoro sul quale sale nuovamente Giampaolo Minnucci, anche in occasione del Nastro Azzurro ha dimostrato che una volta preso il trotto diventa devastante. E’ piuttosto evidente che se riuscirà a superare le ben note incertezze già palesate nella fase iniziale sarà duro battere.
Il secondo nome è quello di Zefir Gar molto atteso ma piuttosto sfortunato nel Derby. Il figlio di Varenne e Georgette Gar nonostante il numero in seconda fila è l’alternativa più credibile al favorito. Zefir non è soggetto facile in compenso è molto dotato e ha forma al top come testimoniato anche dall’ultimo successo in 12.9 sulla distanza.
Dietro i due segnaliamo la chance di Zabul Fi la cui ultima prestazione non fa testo. Il figlio di Ganymede e Sale Del Rio mette sul piatto soprattutto il successo nel Giovanardi e il terzo posto nel Derby nonché le doti di partitore che nella circostanza, considerato il buon numero d’avvio, è senz’altro un valore aggiunto. Zarenne Fas è molto piaciuta all’ultima uscita, mentre Zen Bi gode grande stima da parte del team. Gli altri, anche se non hanno mai primeggiato, non hanno sfigurato nei precedenti impegni classici.  

GRAN PREMIO Bet 365 P. e O. MANGELLI 2° batteria Mt. 1600  € 22.000

1   ZEFIRO BELL                                A. DI NARDO
2   ZIDANE GRIF                               A. GOCCIADORO
3   MISTER DAAG                             Ro. BAKKER
4   ZEUS BI                                         Santo MOLLO
5   ZIGOLO DE BUTY                        V.P. DELL’ANNUNZIATA
6   ZELIG KRONOS                           P. GUBELLINI
7   ZAP DI GIRIFALCO                     R. VECCHIONE
8   ZE’ MARIA                                   René LEGATI
9   ZUCCHERO ROC                         F. ROCCA
10   LEWIS ALE                                 T. KOREVENOJA

Più aperta la seconda batteria dove figurano anche due esteri. La nostra prima scelta è Zidane Grif che quando non ha sbagliato ad eccezione di una sola volta, ha vinto, e come ha vinto. Non è ancora sicuro di meccanica anche se è migliorato rispetto al passato. Di sicuro se parte come sa e va davanti diventa duro da battere. Ze’ Maria, un altro della premiata ditta Gocciadoro, nel Derby, dove è finito al secondo posto, ha fatto vedere di che pasta è fatto. Non velocissimo è soggetto che sa agire in costruzione. Anche nella circostanza, visto il numero di partenza, sarà costretto a districarsi al più presto dalla seconda fila e a mettere in campo le proprie doti di passista.
Due come detto gli stranieri, il tedesco Mister Daag e il finlandese Lewis Ale che sono senz’altro due buoni cavalli visti i risultati riportati nelle corse disputate nei rispettivi paesi, ma che nel contesto sono difficilmente valutabili. Chi dei due, anche in considerazione del numero, potrebbe incidere nel risultato finale è Mister Dagg. Lewis Ale è più portato per la distanza e si avvia in seconda fila, nonostante ciò non è da escludere. Tra gli altri di casa nostra meritano attenzione soprattutto Zelig Kronos reduce da una prova di spessore in Svezia dove ha corso e si è distinto vincendo e piazzandosi anche il rientrante Zeus Bi.

GRAN PREMIO Bet 365 P. e O. MANGELLI G. 2 Mt. 1600  € 88.000

1   VIKING GRACE                             R. REKILA
2   ZEALAND AS                                René LEGATI
3   ZIMAN                                           Fr. FACCI
4   ZONA OK                                       A. GOCCIADORO
5   ZONA DA                                       R. ANDREGHETTI
6   ZIA PAOLA JET                             P. GUBELLINI
7   ZANZARA FAS                             Santo MOLLO
8   AVALON MISTS                           Ro. BAKKER
9   ZARAGOZA                                   R. VECCHIONE
10   ZARINA ROC                              V.P. DELL’ANNUNZIATA
11   ZIN WISE AS                              Fed. ESPOSITO
12   ZOE GRIF ITALIA                       M. BARBINI
13   ZANTE LASER                            A. DINARDO
14   ZELDA ZACK                              R. FATICONI

Siamo al Mangelli per le femmine una corsa tutta da vedere. Non c’è infatti una netta favorita. Il numero e la forma di scuderia ci fa propendere per Zona Ok. La figlia di Varenne e Erreuno Ok su dodici corse disputate ha totalizzato quattro vittorie e cinque piazzamenti l’ultimo dei quali nelle Oaks del Trotto, terza dietro Zabriskie Ok che non è della partita, e Zealand As. Zona Ok è svelta e andando in testa potrebbe giocarsela fino in fondo da leader. Alla corda si avvia l’ospite canadese Viking Grace che ha un ottimo score. Ha riferimenti soprattutto sulla distanza ma ha vinto anche sulla breve in 12.9. E’ presumibile che voglia fare tesoro della pole mirando quanto meno a un buon piazzamento. Compito più arduo per l’altra ospite Avalon Mists che dovrà districarsi dalla seconda fila. La citata Zealand As anche per il buon numero di partenza è un’altra da tenere in considerazione. Tra quelle che hanno militato con profitto nel giro classico va segnalata Zarina Roc che in prima fila avrebbe meritato ben altra considerazione. Occhio comunque perché la figlia di Filipp Roc e Gressy Roc è una che su quattordici corse ne ha vinte sei e in altrettante si è piazzata. Difficile ma non impossibile, soprattutto in chiave piazzamento, per le altre.

GRAN PREMIO Bet 365 DELLE NAZIONI G. 1 Mt. 2100  € 154.000

1   DEIMOS RACING                        R. ANDREGHETTI
2   TAMURE ROC                              F. ROCCA
3   TIMONE EK                                  M. VECCHIONE
4   PEACE OF MIND                         Fed. ESPOSITO
5   URAGANO TREBI’                      R. VECCHIONE
6   SUPER STAR REAF                    D. DI STEFANO
7   DIJON                                           R. DERIEUX
8   TRENDY OK                                 A. GOCCIADORO
9   SONIA                                           René LEGATI
10   UMBERTO AXE                         R. OSSANI
11   UNNO DEL DUOMO                 A. FAROLFI
12   SUGAR REY                             Santo MOLLO

Un Nazioni con il solo Dijon, per altro ben noto in Italia, in rappresentanza della forma d’oltralpe. La nostra analisi non può che partire da Timone Ek, autore di prestazione veramente notevole nel Turilli, seguita alla deludente prova del Città di Montecatini, a sua volta successiva al primo piano a tempo di record nel Due Mari, a dimostrazione della condizione altalenante dell’allievo dei Gocciadoro. Certo è però che a Roma il figlio di Mr Vic e Gemona, che nell’occasione è affidato a Marcello Vecchione, dopo aver demolito Urlo Dei Venti è stato battuto solo da una sorprendente quanto meritevole Sonia che oggi ci riprova nella speranza che davanti se le diano fin dal via. Cosa questa possibilissima considerato che in prima fila si avviano tutti provetti partitori, da Tamure Roc, che deve rifarsi delle ultime sortite andate a vuoto, a Dijon passando per la inossidabile Peace Of Mind, per Uragano Trebì da attendere in ripresa, per lo stesso Timone Ek che i partenza non è una lepre ma neanche una lumaca, e per Super Star Reaf, restante sul successo nel Freccia D’Europa dove da leader respinse seppur di pochissimo Arazi Boko. Questi senza dimenticare il positivo Deimos Racing che ha tutto l’interesse di sfruttare la pole cercando di rimanere nel vivo della corsa fin dal via e Trendy Ok che ha le qualità per agire in ogni schema. La figlia di Varenne e Annette Hanover deve però trovare il modo per uscire dalla corda e andare a correre. Compito quasi impossibile per gli ultimi tre dello schieramento Umberto Axe, Unno Del Duomo e Sugar Rey.

Fral     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *