Sab. Lug 20th, 2024

Elefante nella stanza  è un’espressione tipica della lingua inglese per indicare una verità che, per quanto ovvia e appariscente, viene ignorata o minimizzata. 

Il primo uso attestato della frase, in qualità di similitudine, è registrato nell’Oxford English Dictionary, che rimanda ad un articolo del New York Times del 20 giugno 1959

A dir la verità nel comparto ippico di elefanti ne abbiamo un intero branco  ma quello più evidente attualmente e quindi bellamente tralasciato è quello degli ippodromi.

Abbiamo assistito alla presentazione alla Consulta dei criteri di Classificazioni degli ippodromi e di un calendario con corse che avrebbero dovuto essere effettuate negli ippodromi.

Risultato il calendario è stato cassato e discusso poco dopo con le Associazioni e non con la Consulta per ovvi motivi di rappresentatività riconoscendo implicitamente che la Consulta non ha ne la competenza ne lo spessore tecnico per questi argomenti.

Altro risultato imbarazzante è che si è pensato a scegliere i criteri per classificare gli ippodromi ma nessuno si era posto il problema di valutare preventivamente lo stato di “salute” degli stessi.

Del resto di quattro rappresentanti presenti in Consulta ben tre rappresentano Ippodromi con incertezze per il futuro.

Ovvio che l’ elefante in consulta sia stato ignorato.

Ora è tutto un correre a mettere pezze ed ad evitare elefanti.

REDANDBLACK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *