Sab. Mag 25th, 2024

Egr. Dott. Chiodi
c/o Direzione Generale per l’Ippica Ministero dell’Agricoltura della sovranità alimentare e delle Foreste


Gent.ma Dott.ssa Mastromarino Ippica III c/o Direzione Generale per l’Ippica Ministero dell’Agricoltura Della sovranità alimentare e delle Foreste


Spett.le Società di Corse


Oggetto: richiesta contributo per impagliatura box accoglienza, lavaggio e altri servizi nota Direttore Generale del giorno 17.04.2024


Le sottoscritte associazioni, nell’interesse dei propri associati

PREMESSO

  • che, in data 17.04.2024, alle scriventi associazioni perveniva nota a firma del Direttore Generale Dott. Chiodi con la quale venivano forniti chiarimenti ed indirizzi interpretativi in relazione al mancato pagamento da parte degli operatori dei servizi di impagliatura dei box, di accoglienza, di utilizzo dei lavaggi e di altri servizi;
  • che, nella suindicata nota, vengono richiamati i vincoli e gli obblighi posti in capo alle società di corse alla luce degli accordi sostitutivi conclusi con il Ministero senza però che siano riportati in modo analitico i vincoli e gli obblighi;
  • che, nella suindicata nota, non si fa alcuna menzione di quanto previsto dall’art. 9 (Requisiti Ippodromi) lettera F del Regolamento Generale delle Corse nel quale testualmente si legge “… ogni ippodromo deve essere dotato di….. una adeguata struttura per la ricettività dei cavalli, dotata dei necessari servizi…”;
  • che allo stato non esiste alcun contratto che lega gli operatori alle società di corsa per il pagamenti dei suindicati servizi;
  • che le società di corse non richiedono un contributo (volontario) ma bensì un vero e proprio pagamento.

TANTO PREMESSO,

le sottoscritte associazioni, nell’interesse dei propri associati, evidenziano:

  • che la mancanza dei contratti aventi ad oggetti i suindicati servizi, peraltro fondamentali per lo svolgimento delle corse, è da intendersi quale erogazione a titolo gratuito;
  • che la mancata fornitura di tali servizi, alcuni dei quali necessari per il benessere del cavallo, verrà opportunamente segnalata al veterinario presente in ippodromo e agli enti competenti.

Le sottoscritte associazioni, altresì, chiedono che il Ministero chiarisca se l’art. 9 del Regolamento delle Corse sia ancora in vigore, se quanto stabilito dallo stesso rientra tra i vincoli e gli obblighi posti in capo alle società di corse e quali siano gli obblighi e i vincoli in capo alla società di corse che sono stabiliti con gli accordi sostitutivi.

Cordiali saluti
SNAPT
O.I.I.
IPPICA NUOVA
CIGA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *