Sab. Mag 25th, 2024

Continuiamo nel percorso di narrazione, iniziato ieri, in merito alle scommesse ippiche.

Oggi ci focalizziamo su alcune basi concettuali che devono essere ben comprese e devono fare da pietre angolari per ogni discussione sulle scommesse ippiche:

  • Il legislatore, anni addietro, tradusse in termini regolamentari la differenza tra la scommessa ippica e le altre tipologie di scommesse, definite gioco d’azzardo. Il codice civile, agli artt. 1933, 1934, 1935, specie l’art. 1934, chiarisce in modo inequivocabile la funzione del gioco sulle corse dei cavalli ripreso dalla 169 del 1998 ecc., poiché in toto iure generi per speciem derogatur e non viceversa (Papiniano, giurista romano)
  • La scommessa a quota fissa e la scommessa e/o giochi al totalizzatore nell’ippica sono due “convergenze parallele”, termine di moda alcuni anni fa nella politica. Sono convergenti: perché hanno un obbiettivo comune; e sono parallele: poiché operano su due strade completamente diverse e non conciliabili tra loro per raggiungere il fine, cioè il “coinvolgimento” dello scommettitore.
  • Secondo la legge 169/98, che regola la scommessa ippica, quest’ultima deve servire per finanziare l’intero comparto in tutte le sue componenti primarie e, in secondo luogo, mediante compenso, la rete di vendita (agenzie e concessionari).

Ma lo scommettitore, nel caso della quota fissa, altro non è che un cliente, da cui trarre delle risorse economiche a beneficio proprio, come normalmente si determinano, quando si sviluppa un contratto tra due parti (il concessionario e lo scommettitore). E da questo rapporto il sistema ippico trae risorse solo parzialmente.

Nel caso, invece, del gioco al totalizzatore, lo scommettitore/giocatore finanzia unicamente le componenti della filiera ippica: il Montepremi, che comprende tutte le componenti ippiche, nessuna esclusa, gli Ippodromi, i costi di gestione del gioco e dell’organizzazione delle corse e, last but not least, l’Erario..

Nelle prossime puntate entreremo nel merito dei numeri che debbono essere raggiunti per garantire la sopravvivenza del comparto e come è possibile raggiungerli.

REDANDBLACK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *