Gio. Dic 7th, 2023

Ad ogni piè sospinto si legge di decreti che variano il calendario a piacimento degli ippodromi o addirittura alcuni ippodromi prima cambiano il numero di giornate di corse e il relativo montepremi e poi a cose fatte chiedono.

Esiste ovviamente l’ eccezione, vedi Torino-Vinovo, a cui è stata negata la richiesta di cambio data.

Dunque ,finalmente il MASAF ribadisce il suo ruolo centrale di controllore del palinsesto e di distributore del montepremi.

Lo strano è che come si è visto nel corso di questi ultimi mesi non sempre è successo.

La domanda sorge spontanea: perché?

Gli ippodromi sono tutti uguale ma qualcuno è più uguale degli altri?

REDANDBLACK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *